lunedì 30 gennaio 2017

Burger buns rosa, alla barbabietola

Quando penso a un piatto spesso mi immagino prima i colori e l'effetto visivo che voglio ottenere, poi penso quali sapori possano darmi quel risultato e stare bene insieme, perché lo scopo principale è sempre la bontà. Mi immaginavo un bel burger bun allegro, colorato, rosa intenso, per sorprendere la famiglia. Così ho scelto la barbabietola, per il suo succo brillante. Ho preso spunto dalla ricetta delle pizzette da buffet, e l'ho modificata cercando di calibrare i liquidi, dato che la barbabietola è già molo umida. Il suo sapore si sente di più quando il pane è ancora tiepido, ma una volta raffreddato è appena percettibile, inoltre con gli affettati o un ripieno salato è veramente buonissimo. Io l'ho farcito sia con la Golfetta che con un hamburger homemade, uovo a occhio di bue, bacon, scamorza affumicata, insalatina e salse a piacere. Ogni tanto qualche vizietto ci sta bene. I bambini erano entusiasti di mangiare questi panini rosa.



Ricetta

750 g di farina 0 forte
500 g di barbabietole cotte e passate al mixer
120 g di latte
47 g di olio extravergine
40 g di zucchero
20 g di sale
3 g di malto in polvere (o un cucchiaino di miele)
mezzo cubetto di lievito di birra







Sbriciolare il lievito sulla farina, aggiungere il malto, lo zucchero e mischiare. Unire il latte poco alla volta, farlo assorbire e poi  aggiungere la barbabietola. Quando tutto si è bene amalgamato aggiungere poco l'olio poco alla volta . Farlo assorbire bene prima di aggiungerne ancora. Infine unire il sale. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo, essendo molto umido è normale che sia un po' appiccicoso. Far lievitare in forno tiepido almeno 2 ore, dividere in porzioni da 70/80 g, spennellare di latte, cospargere di sesamo, e far lievitare coperto per almeno 1 ora. Cuocere a 180 gradi per 20-25 minuti. Fare raffreddare e farcire a piacere. Il sapore della barbabietola è molto meno intenso una volta freddo, ma se volete diminuirlo ancora basta ridurre la barbabietola e aumentare i liquidi in proporzione.


Nessun commento:

Posta un commento